Capitolo quattro – La magia dell’autopubblicazione

18/02/2013 § 2 commenti

A fine 2008 entrai in contatto con il mondo del self publishing attraverso il sito di un’azienda canadese mai sentita prima: lulu.com.

Iniziai a fare qualche giretto su questo sito, non senza pregiudizi, lo ammetto, e scoprii un mondo nuovo. Completamente nuovo. Eppure questa idea di autopubblicarsi mi dava da pensare.

Sembrava una di quelle scorciatoie scelte da sfigati come me, scartati dalle case editrici tradizionali. Non volevo entrare a far parte di quel circolo di persone che stampano da sé il proprio libro e poi vanno in giro a dire “sono uno scrittore”.

Tutti siamo scrittori dal momento in cui mettiamo passione e impegno nel raccontare al mondo le nostre storie, le nostre conoscenze, i nostri sentimenti. Io volevo un pubblico! Un pubblico che si congratulasse e mi criticasse, così da farmi crescere.

Con questa idea in mente, iniziai a interrogare Google con parole come “self publishing”, “lulu.com” e così via, per capire cosa si dicesse in giro. Mi accorsi presto che potevo anche bruciare i miei pregiudizi. Le cose erano messe diversamente da come pensavo.

Scoprii che il self publishing, rispetto all’editoria tradizionale, ha una mole notevole di vantaggi: si mantengono i diritti d’autore sull’opera, non ci sono contratti che ti vincolano, la pubblicazione è totalmente gratuita e si guadagna di più su ogni copia venduta. Molto di più.

Tornai su Lulu e mi accorsi di un particolare che mi era sfuggito a una prima analisi, preso com’ero dai miei pregiudizi: circa 4milioni di persone si erano già autopubblicate su quel sito, per lo più autori statunitensi e canadesi.

“Porca miseria!” mi dissi. “Se così tante persone si autopubblicano, forse ne vale davvero la pena.”

Continuai le mie ricerche e mi accorsi che tra questi autori autopubblicati c’erano anche professori universitari, esperti di diversi settori e, addirittura, personaggi che avevano già ottenuto un discreto successo con l’editoria tradizionale.

Il fenomeno mi appassionò talmente tanto che decisi di provarci. Non avevo nulla da perdere, in fondo. C’era un po’ di lavoro da fare, ma sarei andato fino in fondo. Lo sapevo già.

Preparai la copertina, la prima copertina. Comprai il colore rosso a tempera, un foglio nero formato A4. Misi il foglio a terra, mi inumidii le mani, le sporcai di rosso e le spiaccicai sul foglio, lasciando le mie impronte come se fossero intrise di sangue. Fotografai il tutto con la macchinetta digitale e rilavorai l’immagine con Photoshop, rispettando le misure e i limiti pubblicati sul sito di Lulu.

Mi registrai al sito, acquistai un codice ISBN e procedetti con il caricamento dei miei file. Pochi minuti e il tutto era online. Attesi l’invio della copia cartacea per il controllo finale e stop! A quel punto dovevo solo cliccare su “pubblica” per far sì che venisse messo in vendita. Niente attese di mesi e mesi per poi cadere in depressione. Niente richieste di migliaia di euro per pubblicare. Niente di niente. Pochi minuti ed ero in vendita. Anche in Italia, oltre che sul Web. Sì, perché, all’epoca, Lulu ancora distribuiva nelle librerie italiane tramite il circuito Fastbook. Cosa che ora non fa più.

Fantastico! Finalmente il mio libro era pubblicato e potevo stringerlo tra le mani. Il sogno di molti. Ma a me non bastava. No, io volevo un pubblico. E, ormai avevo imparato, nel self publishing devi fare tutto da te.

Niente scuse, allora. Era il momento di andare alla ricerca dei miei lettori. Il 2009 era appena cominciato.

Roberto Tartaglia @rotartaglia

About these ads

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , ,

§ 2 risposte a Capitolo quattro – La magia dell’autopubblicazione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Capitolo quattro – La magia dell’autopubblicazione su Bookolico.

meta

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 5.106 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: